On 23 July 2021, the painter, Founder of the Stilnovista Art Movement, Carmelo Fabio D'Antoni, officially joins the historical path of the San Riccardo di Andria Diocesan Museum with a work specially created on the great Frederick II of Swabia - Stupor Mundi .

For this occasion, D 'Antoni created an image of Frederick II in his full splendor on jute canvas with eighteenth-century techniques, depicting him with an armor still defender of that art and culture he loved so much.

The work will be permanently visible within the museum itinerary dedicated to contemporary works, in relation to the opening hours and reservations prepared by the institution.

The Director of the Diocesan Museum of Andria Don Giannicola Agresti said: "D’Antoni's work enriches the collection of the Diocesan Museum of Andria. The author, with the portrait of Frederick II of Swabia, highlights his artistic sensitivity in representing the features of the Emperor, through a current reinterpretation of the historical figure "

Biographical notes of Carmelo Fabio D’Antoni

Sicily, the land of culture and domination, of blood and fire, of passion and suffering, has always hosted exceptional talents. D 'Antoni matures his artistic vein in the precious context of his land, feeding on centuries of history and culture present here. Multifaceted by definition, he grows up in the workshops of the greatest contemporary masters, experimenting with techniques and styles that have led him to find his path in the sublimation of the female figure. In 2017 he approaches the Supreme Poet Dante Alighieri, creating works inspired by the Divine Comedy. The artist thus approaches the literary thought "Stilnovista", and decides to resume its philosophy by founding a pictorial current. His personal growth, troubled and suffered, led him to conquer, despite his young age, the highest levels. History will always remember him as the man who went down to hell passing through the 4 elements until he reached his highest stature as "Painter of the Dolce Stil Novo". His is the coined phrase "The highest expression of art is the strength of the Woman". The Artist has grasped the spiritual value of the strength of true love, the woman, sublimating it in her canvases. A sensitive and respectful man, always characterized by an elevated spirit, D 'Antoni knows how to grasp the beauty in the strong and bright expressions of the seductive and bewitching eyes, but never vulgar of his subjects, which he transforms into mythological and historical women. From Greece to Scandinavia, passing through Europe and England, the artist transforms his models, sometimes out of his vivid imagination, into immortal warriors, alive and sacred, ethereal guardians of his always precise and disciplined trait. .

Over the years, the Maestro's career has evolved into constant and continuous growth in the international art world, exhibiting in various museums, foundations and galleries in Rome, Florence, Turin Messina, Bonn, Baden Baden, Cologne, Berlin, Chicago, Los Angeles, Miami. , Vienna, Brussels, Prague, Sofia, Spoleto, Perugia, Andria, Foggia, Catania, Syracuse, Palermo etc.

THE Diocesan MUSEUM of San Riccardo di Andria

The Diocesan Museum dedicated to San Riccardo, Bishop and Patron of the city of Andria, is located in the heart of the historic center, a short distance from the Cathedral Church where the sacred relics are venerated.

The rich patrimony of works of the Diocese of Andria, collected by the Bishop Mons. Giuseppe Lanave, finds space in the large and bright rooms of the Museum, established by the latter on 20 May 1972. On the initiative of the Bishop Mons. of restoration has redeveloped the building - formerly the residence of the noble Margiotta family and later seat of the community of Laborers - in a modern museum structure on three levels. Under the episcopate of Mons. Luigi Mansi, on 23 April 2019, on the occasion of the 581st anniversary of the discovery of the relics of the patron saint, the Museum was inaugurated.

THE EXHIBITION ROUTE

An itinerary articulated according to a chronological path leads the visitor into the history of the city and its Diocese, through a substantial heritage of works - paintings, stone and wooden sculptures, silverware, sacred vestments and other objects - which helps to define the history of art in Puglia from the Middle Ages to the twentieth century.

THE THEMATIC SECTIONS

FROM THE TWO CENTURY TO THE FOURTH CENTURY

The first section contains some important works of the regional artistic culture. The thirteenth-century icon, known by the name of Madonna d'Andria, attests to the centrality of the city in the circulation of phenomena related to worship and culture in the Mediterranean. The marble bust depicting Francesco II Del Balzo, Duke of Andria and lord of a southern Renaissance of great vitality, debated between the sculptors Francesco Laurana and Domenico Gagini, and the refined compartments of the polyptych painted by Antonio Vivarini, a sign of a relationship between Puglia and Venice at the end of the fifteenth century, they are among the most precious pieces of the collection.

FROM THE 16TH CENTURY TO THE 19th CENTURY

Large-format paintings, wooden sculptures, sometimes preserved in fragments, constitute the main nucleus of the second section of the Museum. It is a precious testimony of art and faith of religious orders and brotherhoods, in the wake of a renewed sensitivity suggested by the Counter-Reformation, and of the growing role of the modern city bourgeoisie in the commissioning of sacred works. The melancholy Magdalene by Cesare Fracanzano and the Volto Santo of Flemish sensibility give prestige to the section.

THE ACTION OF THE BISHOPS

The objects in the third section attest to the commissioning of the Bishops of the Diocese between the nineteenth and twentieth centuries to give solemnity to liturgical celebrations. Among sacred vestments, precious pontifical copes, silver and reliquaries, shines the precious Stauroteca which houses one of the fragments of the True Cross.

An obvious common thread between Sicily and Puglia, two lands linked by the love of the Great Emperor Frederick II of Swabia - Stupor Mundi.

The man who with culture, and not with weapons, was able to conquer the world and unite peoples.

Mariagrazia Carmela Minio President of the Caravaggio County Museum Editorial Director Ars Magistris Magazine Art

OFFICE AND CONTACTS DIOCESAN MUSEUM OF SAN RICCARDO DI ANDRIA

Via Domenico de Anellis 46 - Andria (BT)

0883 593382/334 1541661

www.museodiocesanoandria.it

museodiocesano@diocesiandria.org

www.maestrodantoniarte.com

 

 

Il 23 luglio del 2021, Il pittore, Fondatore del Movimento Artistico Stilnovista , Carmelo Fabio D’Antoni, entra ufficialmente a far parte del percorso storico del Museo Diocesano San Riccardo di Andria con un Opera realizzata appositamente sul grande Federico II di Svevia – Stupor Mundi.

Per questa occasione il D’Antoni ha realizzato su tela di iuta con tecniche settecentesche un’immagine di un Federico II nel pieno del suo splendore, raffigurandolo con un armatura ancora difensore di quell’arte e di quella cultura da lui tanto amata .

L’opera sarà visibile in permanenza all’interno del percorso museale dedicato alle opere contemporanee, relativamente agli orari di apertura e alle prenotazioni predisposte dall’ente .

Il Direttore del Museo Diocesano di Andria Don Giannicola Agresti ha dichiarato : «L’opera di D’Antoni va ad arricchire la collezione del Museo Diocesano di Andria. L’autore, con il ritratto di Federico II di Svevia, evidenzia la sua sensibilità artistica nel rappresentare le sembianze dell’Imperatore, tramite una rilettura attuale del personaggio storico»

Cenni Biografici di Carmelo Fabio D’Antoni

Sicilia, la terra della cultura e delle dominazioni, del sangue e del fuoco, della passione e della sofferenza, ha ospitato da sempre talenti eccezionali. Il D’Antoni matura la sua vena artistica nel prezioso contesto della sua terra , nutrendosi di secoli di storia e di cultura qui presenti. Poliedrico per definizione, cresce nelle botteghe dei più grandi maestri contemporanei, sperimentando tecniche e stili che lo hanno portato a trovare il suo percorso nella sublimazione della figura femminile . Nel 2017 si accosta al Sommo Poeta Dante Alighieri, creando opere ispirate alla Divina Commedia . L’Artista si accosta cosi al pensiero letterario “Stilnovista”, e decide di riprenderne la filosofia fondando una corrente pittorica . La sua personale crescita, travagliata e sofferta, lo ha portato a conquistare, malgrado la sua giovane età, massimi livelli. La storia lo ricorderà sempre come l’uomo sceso all’inferno passando per i 4 elementi fino a giungere alla sua massima levatura di “ Pittore del Dolce Stil Novo ”. Sua è la frase coniata “ La massima espressione dell’arte è la forza della Donna” L’Artista ha colto il valore spirituale della forza del vero amore, la donna, sublimandolo nelle sue tele. Uomo sensibile e rispettoso, da sempre contraddistinto da uno spirito elevato, il D’Antoni sa cogliere il bello nelle forti e accese espressioni degli occhi seducenti e ammalianti, ma mai volgari dei suoi soggetti, che trasforma in donne mitologiche e storiche. Dalla Grecia alla Scandinavia, passando per l’Europa e L’Inghilterra, l’artista trasforma le sue modelle, alcune volte uscite dalla sua fervida immaginazione, in immortali guerriere, vive e sacre, eteree guardiane del suo tratto sempre preciso e disciplinato .

Negli anni la carriera del Maestro si è evoluta in una costante e continua crescita nel mondo artistico internazionale esponendo in vari Musei, Fondazioni e Gallerie a Roma, Firenze,Torino Messina ,Bonn, Baden Baden, Colonia, Berlino, Chicago, Los Angeles, Miami, Vienna, Bruxelles, Praga, Sofia, Spoleto, Perugia, Andria, Foggia, Catania, Siracusa, Palermo ecc.

IL MUSEO Diocesano San Riccardo di Andria

Il Museo Diocesano intitolato a San Riccardo, Vescovo e Patrono della città di Andria, sorge nel cuore del centro storico, a breve distanza dalla Chiesa Cattedrale in cui sono venerate le sacre reliquie.

Il ricco patrimonio di opere della Diocesi di Andria, raccolte dal Vescovo Mons. Giuseppe Lanave, trova spazio negli ambienti ampi e luminosi del Museo, istituito da quest’ultimo il 20 maggio 1972. Per iniziativa del Vescovo Mons. Raffaele Calabro, un accurato intervento di restauro ha riqualificato l’edificio – già residenza della nobile famiglia Margiotta e successivamente sede della comunità dei Braccianti – in una moderna struttura museale articolata su tre livelli. Sotto l’episcopato di Mons. Luigi Mansi, il 23 aprile 2019, in occasione del 581° anniversario del ritrovamento delle reliquie del Santo Patrono, il Museo è inaugurato.

IL PERCORSO ESPOSITIVO

Un itinerario articolato secondo un percorso cronologico conduce il visitatore nella storia della città e della sua Diocesi, attraverso un consistente patrimonio di opere – dipinti, sculture lapidee e lignee, argenti, paramenti sacri ed altri oggetti – che contribuisce a definire la storia dell’arte in Puglia dal Medioevo al Novecento.

LE SEZIONI TEMATICHE

DAL DUECENTO AL QUATTROCENTO

La prima sezione accoglie alcune importanti opere della cultura artistica regionale. L’icona duecentesca, nota con il nome di Madonna d’Andria, attesta la centralità della città nella circolazione di fenomeni legati al culto e alla cultura nel Mediterraneo. Il busto marmoreo raffigurante Francesco II Del Balzo, duca di Andria e signore di un Rinascimento meridionale di grande vitalità, dibattuto tra gli scultori Francesco Laurana e Domenico Gagini, e i raffinati scomparti del polittico dipinto da Antonio Vivarini, segno di una relazione tra Puglia e Venezia sul finire del Quattrocento, sono tra i pezzi più preziosi della collezione.

DAL CINQUECENTO ALL’OTTOCENTO

Dipinti di grande formato, sculture lignee, talvolta conservate per frammenti, costituiscono il nucleo principale della seconda sezione del Museo. Si tratta di una preziosa testimonianza di arte e fede degli ordini religiosi e delle confraternite, sulla scia di una rinnovata sensibilità suggerita dalla Controriforma, e del ruolo crescente della moderna borghesia cittadina nella committenza di opere sacre. Conferiscono lustro alla sezione la malinconica Maddalena di Cesare Fracanzano e il Volto Santo di sensibilità fiamminga.

L’AZIONE DEI VESCOVI

Gli oggetti nella terza sezione attestano la committenza dei Vescovi della Diocesi tra Ottocento e Novecento per conferire solennità alle celebrazioni liturgiche. Tra paramenti sacri, preziosi piviali pontificali, argenti e reliquiari, brilla la preziosa Stauroteca che accoglie uno dei frammenti della Vera Croce.

Un evidente filo conduttore tra la Sicilia e la Puglia, due terre legate dall’amore del Grande Imperatore Federico II Di Svevia – Stupor Mundi.

L’uomo che con la cultura, e non con le armi a saputo conquistare il mondo e unire i popoli.

Mariagrazia Carmela Minio Presidente Museo la Contea del Caravaggio Direttore Editoriale Ars Magistris Magazine Art

SEDE E CONTATTI MUSEO DIOCESANO SAN RICCARDO DI ANDRIA

Via Domenico de Anellis 46 – Andria (BT)

0883 593382 / 334 1541661

www.museodiocesanoandria.it

museodiocesano@diocesiandria.org

www.maestrodantoniarte.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *